Autore Topic: [TASSE] Opere di ingegno per vendite sull'Android Market  (Letto 2801 volte)

Offline matteo.p

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 0
    • Mostra profilo
[TASSE] Opere di ingegno per vendite sull'Android Market
« il: 18 Aprile 2011, 11:39:25 CEST »
Ciao a tutti,

ho cercato in rete ma non riesco a trovare informazioni certe, visto che questo è il forum principale degli sviluppatori Android in Italia penso che qui ci sia qualcuno con il mio stesso problema.

Ho realizzato un software che vendo tramite il google market.
Sinceramente ho avuto più successo di quanto mi aspettassi (inizialmente pensavo di guadagnare pochi euro e non mi ero posto il problema) e ho guadagnato nel 2010 più di 10.000€. Vorrei chiedervi se posso contabilizzare il denaro ricevuto dalle vendite considerandolo come opera d'ingegno. Non ho partita iva perchè lo consideravo veramente un extra e mai mi sarei immaginato di superare i 5000€. Qualcuno li dichiara come proventi da "Opere di ingegno" ?

Allego alcune informazioni trovate in rete :


Citazione
E' cosi' per una prestazione PROFESSIONALE.
Non e' cosi', invece, se si parla di creazione di un sito web che e' invece una OPERA D'INGEGNO.
Ribadisco che la creazione di siti web, della copertina di un CD, di un ipertesto, di un brano musicale, un quadro, una scultura, una immagine artistica, etc.... Sono tutte "OPERE DI INGEGNO" !
La legge le tratta in modo molto piu' favorevole rispetto alle prestazioni occasionali.
In particolare, per le opere di ingegno:
1) Niente limite dei 5000 Euro/anno per l'esenzione alla contribuzione INPS. Si possono quadagnare anche milioni di euro l'anno come opere di ingegno (vedi gli artisti che lavorano per RAI o Mediaset, o gli autori di libri famosi). E si emette sempre e solo una notula, con ritenuta d'acconto del 20%, e morta li.
2) Fatto 1000 l'importo lordo del provento, la ritenuta d'acconto del 20% non si calcola sui 1000 Euro, ma, sul 75% (quindi 750 Euro*0.20=150 Euro), in quanto la legge riconosce forfettariamente un 25% di spese per la produzione. Se pero' l'autore ha meno di 35 anni, la percentuale di imponibilita' IRPEF si riduce dal 75% al 60%, quindi i giovani autori pagano ancora meno tasse...
Ecco i due esempi di calcolo:

Code:

Autore "attempato"

Importo lordo della rpestazione 1000 Euro
Spese di produzione forfettarie   250 Euro
Imponbile IRPEF                        750 Euro
Ritenuta d'acconto 20%              150 Euro
Netto a pagare                          850 Euro



Code:

Autore "giovane" (meno di 35 anni)

Importo lordo della rpestazione 1000 Euro
Spese di produzione forfettarie   400 Euro
Imponbile IRPEF                        600 Euro
Ritenuta d'acconto 20%              120 Euro
Netto a pagare                          880 Euro



3) Non e' vero che la ritenuta alla fonte del 20% esaurisce la rilevanza fiscale del provento (questo vale sia per le prestazioni occasionali, sia per le opere di ingegno). In linea di principio, questi proventi, e le relative ritenute alla fonte, debbono sempre essere indicate negli appositi campi del mod. 730 o Unico. Se si hanno pochi redditi, si finisce A CREDITO DI IMPOSTA, quindi si recupera anche quel 20% che era stato versato! Quindi CONVIENE fare la dichiarazione dei redditi, anche se siamo sotto il reddito annuo minimo che la rende obbligatoria. Se uno invece ha gia' un altro lavoro, allora il 20% gia trattenuto alla fonte e' poco, dovreste pagare di piu' tramite il conguaglio fiscale. Se quindi omettete di dichiarare i proventi da opere di ingegno (o da prestazione occasionale, in questo caso le cose coincidono), pensando che il 20% gia' pagato sia sufficiente, siete in errore! Rischiate una pesante sanzione per infedele dichiarazione...
4) In ogni caso le opere di ingegno NON SONO ATTIVITA' DI LAVORO DIPENDENTE e come tali non sono soggette ad alcuna forma previdenziale (leggi INPS) o di tutela dei lavoratori (leggi INAIL).
5) Le opere di ingegno NON SONO SOGGETTE AD IVA, nemmeno se realizzate da un professionista titolare di partita IVA. Far pagare l'IVA su una opera di ingegno e' una palese violazione del DPR 633 e modifiche.
6) Si legge in piu' punti su questo forum il consiglio di rivolgersi ad un Commercialista per avere chiarimenti e informazioni "certe". La mia personale esperienza e' che i commercialisti NON CONOSCONO la normativa foscale sulle opere di ingegno, e danno suggerimenti del tutto errati in materia (ancorche' solitamente a favore delle loro tasche, visto che spesso convincono chi si rivolge loro della necessita' di aprire partita IVA o cose del genere). Conviene invece rivolgersi ad una delle associazioni di categoria degli autori di opere di ingegno, quali quelle dei musicisti, dei giornalisti, dei fotografi d'arte, etc.
7) Ricordatevi che rientrano fra le opere d'ingegno la maggior parte dei "prodotti" informatici: siti web, CD-ROM, ipertesti, programmi per elaboratori, grafica artistica sia bitmap che vettoriale, fotografia digitale artistica, suoni, video, musica (sia come partitura MIDI, sia come file audio WAV o MP3) , ed ovviamente testi letterari, manuali, testi scientifici e tecnici, romanzi, racconti di viaggi, articoli giornalistici o scientifici, contributi a blog, social networks, o altre moderne forme di espressione multimediale.






Offline bradipao

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 4043
  • keep it simple
    • Github
    • Google+
    • bradipao
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Nexus 5
  • Play Store ID:
    Bradipao
  • Sistema operativo:
    W7
Re:[TASSE] Opere di ingegno per vendite sull'Android Market
« Risposta #1 il: 18 Aprile 2011, 12:20:25 CEST »
C'è una interessante discussione sul miglior regime fiscale da adottare: Adempimenti fiscali per sviluppatori di applicazioni mobile (iPhone, Android, Win Mobile 7, ...)  | devAPP
NON rispondo a domande nei messaggi privati
Bradipao @ Play Store

Offline technfoab

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Galaxy S - ASUS Transformer
  • Play Store ID:
    Fabrizio Alberti
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:[TASSE] Opere di ingegno per vendite sull'Android Market
« Risposta #2 il: 18 Agosto 2011, 12:30:14 CEST »
C'è una interessante discussione sul miglior regime fiscale da adottare: Adempimenti fiscali per sviluppatori di applicazioni mobile (iPhone, Android, Win Mobile 7, ...)  | devAPP

Salve.. sto anche io facendo una app per adesso i guadagni sono irrisori ma vorrei capire come comportarmi.. Sono dipendente in una azienda come System Administrator, quindi non c'è "conflitto di interessi", ma la cosa che più mi preme capire è il regime fiscale.

C'è qulacuno tra di voi che è developer e dipendente e sa dirmi come si sta comportando per gli incassi delle app? Mettiamo alla fine dell'anno uno ha fatto pur 1000 euro, come deve comportarsi? Far capire queste cose ad un commercialista è difficilissimo... Soprattutto con qualche mummia che a malapena accende il pc :D

Mi potete aiutare? Grazie....