Autore Topic: Curiosità permessi applicazione  (Letto 693 volte)

Offline reww

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Archlinux, Mac OS X 10.5.8
Curiosità permessi applicazione
« il: 30 Luglio 2013, 23:00:21 CEST »
Salve a tutti! Scusate se il titolo può essere un pò forviante ma non sapevo come altro scriverlo  :-P

Allora sono parecchio newbie sulla programmazione Android. Non mi sono interessato più di tanto dato che non mi piace molto sviluppare il Java ma visto la voga di framework che permettono di sviluppare in altri linguaggi mi era venuta voglia di creare qualcosa  :-)

La mia domanda è questa: se io usufruisco di altri servizi per realizzare un'applicazione commetto qualche tipo di reato? Supponiamo che voglia creare un'altra app di Facebook. Se fossi in Zuckerberg un pò mi incazzerei sinceramente :-D
Oppure realizzare un'applicazione per leggere le notizie di qualche quotidiano oppure creare un'applicazione alternativa a YouTube.

Posso fare liberamente queste cose o violo qualcosa?

Offline crbin1

  • Utente junior
  • **
  • Post: 61
    • labeltodo
    • Mostra profilo
    • Do Androids Dream of Electric Sheep?
  • Dispositivo Android:
    Galaxy Nexus
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #1 il: 31 Luglio 2013, 08:50:16 CEST »
Se vuoi realizzare un'applicazione interfacciandoti ai vari servizi devi usare le API che ti mettono a disposizione.

Per esempio Facebook vedi qua https://developers.facebook.com/docs/getting-started/facebook-sdk-for-android/3.0/. Usando queste API è Facebbok stesso a decidere cosa è permesso e come alla tua applicazione. Senza usare le API non vedo come potresti fare un client Facebook che non utilizzi il semplice browser.

Stessa cosa per Youtube https://developers.google.com/youtube/getting_started

Offline reww

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Archlinux, Mac OS X 10.5.8
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #2 il: 01 Agosto 2013, 23:55:58 CEST »
Senza API e' comunque possibile. Per esempio su youtube basta fare una richiesta HTTP (GET) sulla porta 80. Estrapoli l'url del video e "oltrepassi" le API.

Comunque quello che dici tu e' vero. Cioe' con le API decidono loro quello che puoi fare.

Ora supponiamo che voglia "utilizzare" un servizio web senza che loro mettano a disposizione delle API. Si puo' fare? Cioe' io posso pubblicare sul Play Store un'applicazione del genere?

Offline Sakazaki

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 396
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Sony xperia Z
  • Play Store ID:
    Saka Labs
  • Sistema operativo:
    Windows 8
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #3 il: 02 Agosto 2013, 08:48:26 CEST »
Ora supponiamo che voglia "utilizzare" un servizio web senza che loro mettano a disposizione delle API.
Se non ci sono API, per definizione, verrebbe da dire che non c'è "servizio" web.  :-P
Per cui deduco ti ricondurresti o ad un parsing di pagine web o alla lettura di feed (rss o json).
Nel primo caso sarebbe cosa buona e giusta chiedere il permesso a chi eroga il contenuto di poterlo utilizzare (a meno che non sia esplicitamente indicato che è in creative commons, in quel caso dipende dal tipo di creative commons adottata); nel secondo mi verrebbe da dire che non è strettamente necessario chiedere permessi (ma comunque buona prassi, per una questione di "galateo") perché è il produttore stesso del contenuto che lo rende disponibile in un formato che giocoforza va elaborato in qualche modo.

Offline zorcraft

  • Utente junior
  • **
  • Post: 108
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    note
  • Play Store ID:
    zorcraft
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #4 il: 02 Agosto 2013, 09:18:30 CEST »
Non so se ho capito bene, fino ad ora ti hanno detto come sfruttare ciò che esiste gia ma tu credo volessi fare una cosa tua da zero, se e cosi penso proprio che puoi, io per esempio mi sono fatto un social network ovviamente non a livelli di faccialibro ma sicuramente funzionante ( www.sgasare.it ) questo e il link se vuoi darci un occhiata, ovvio che non puoi usare lo stesso nome per diritti d'autore, ma nulla vieta se hai le capacita di crearti qualcosa di tuo.
Il fatto che prenda piede e tutto un altro discorso, infatti per esperienza personale ti dico che la gente usa cio che ritengono sia di moda e non cio che le serve veramente e penso sia questo a far perdere nel nulla le cose veramente utili.
Steso principio sono le API , sono solo pezzi di codice gia preparati se tu vuoi puo creartene di tue, ad esempio nei giochi che ho creato per android non ho sfruttato le api di google per la parte online ma mi sono creato io un sistema mio, usando php mysql e chiamate dal app sfruttando il pars delle pagine web da me create.

Offline reww

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 2
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Archlinux, Mac OS X 10.5.8
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #5 il: 18 Agosto 2013, 23:24:56 CEST »
Per esempio se volessi creare un'applicazione che mette a disposizione gli articoli del corriere della sera, commetto qualche tipo di reato? Come per esempio diritti d'autore dato che gli articoli vengono scritti da loro e io li pubblico sulla mia applicazione

Offline Sakazaki

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 396
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Sony xperia Z
  • Play Store ID:
    Saka Labs
  • Sistema operativo:
    Windows 8
Re:Curiosità permessi applicazione
« Risposta #6 il: 18 Agosto 2013, 23:41:27 CEST »
Per esempio se volessi creare un'applicazione che mette a disposizione gli articoli del corriere della sera, commetto qualche tipo di reato? Come per esempio diritti d'autore dato che gli articoli vengono scritti da loro e io li pubblico sulla mia applicazione
Assolutamente si!
Difatti ogni articolo del sito del corriere reca la dicitura "RIPRODUZIONE RISERVATA".