Autore Topic: Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)  (Letto 1043 volte)

Offline 4dr14n0

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« il: 16 Novembre 2012, 21:01:02 CET »
Salve a tutti!
Mi chiamo Adriano e mi iscrivo a questo forum, anche se stò ancora combattendo con Eclipse e studiando i polimorfismi in Java.
Vorrei cogliere l'occasione per chiedere quanto convenga associarsi ad una start-up o iniziare a lavorare per terzi oppure invece mettersi in proprio iniziando a sviluppare con degli amici di università vista la novità (relativa) del mercato Android e delle sue potenzialità.

Gli stipendi come sviluppatore Android ovunque ho visto nelle Marche (dove studio informatica applicata) e nel Lazio (regione di origine) sono paurosamente bassi rispetto alle competenze richieste, quindi speravo di conoscere e scambiare quattro chiacchiere con qualcuno che ne sapesse più di me.
Nel caso avessi sbagliato sezione del forum per fare la domanda, mi scuso in anticipo, ma al momento vado un po' di fretta e volevo cogliere due piccioni con una fava.
Cheers! ;-)

Offline MarcoDuff

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1073
    • Google+
    • marcoduff
    • Mostra profilo
    • MarcoDuff's Blog
  • Dispositivo Android:
    Samsung Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MarcoDuff
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #1 il: 16 Novembre 2012, 21:46:41 CET »
Benvenuto!

L'informatica e di conseguenza gli informatici, sono estremamente svalutati perche' troppi, quindi anche il loro compenso e' estremamente ridotto (non soltanto in Italia ma nel mondo).

Quanto pagheresti una persona che ti aiuta a prendere la patente per l'auto? Ecco, questo e' il punto... trovi sicuramente qualcuno che ti aiuta gratis o a bassissimo prezzo.

Se iniziamo invece a parlare di qualita' il discorso di ribalta drasticamente: sono pochi, pochissimi gli Informatici (nota che questa volta l'ho scritto con la i maiuscola!) capaci di scrivere software di qualita'.

Qui iniziero' un discorso altamente razzista... ma io sono molto razzista in questo argomento.

Agli albori dell'informatica, i primi veri informatici erano i matematici (e gli statistici). Con il passare del tempo e con l'aumentare dei sistemi informatici  sia per diffusione che per complessita', e' nata l'esigenza di avere delle figure piu' specifiche. Qui sono nati gli Informatici e gli Ingegneri Informatici, ovvero corsi di studio ben precisi e mirati nel creare figure capaci di capire come modellare e progettare un sistema informatico.

Ma l'informatica correva troppo.... non c'era tempo di aspettare la formazione di persone... servivano subito! Quindi si inizio' ad allargare il cerchio degli specialisti facendo diventare informatici anche altre tipologia di Ingegneri (quelli delle telecomunicazioni, elettronici, ecc...) e, peggio ancora, persone provenienti da Economia e Commercio, Geometri, ecc... tutti magicamente potevano fare software!

Adesso il mercato dell'informatica e' saturo. Saturo di informatici e non, tutti a fare software.

Tu ti faresti mai operare da un Avvocato? No? Allora perche' fai fare software a tutti?

Il risultato? Software scadente e costi (apparentemente) bassissimi.
Come fare per distinguersi? Semplice: studiare tantissimo e fare software di qualita': tutti noi sappiamo scrivere software, ma pochissimi sanno scrivere software corretto, affidabile, robusto, prestazionale, usabile, verificabile, mantenibile, riusabile, portabile, comprensibile, interopirabile, produttivo, tempestivo e visibile (n.b. non sono parole scritte a caso, sono quelle che indicano la qualita' del software).

Buono studio!

Offline 4dr14n0

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #2 il: 16 Novembre 2012, 22:22:26 CET »
Grazie per la cordialità e la sincerità :)
Conosco gli aggettivi, stiamo studiando la valutazione della qualità del software per l'appunto nel corso di Ingegneria del Software di quest'anno  :-)

Forse la conoscenza approfondita e specializzata può essere l'unica arma a disposizione di chi ha sudato e buttato sangue su certi esami e argomenti divora-ore/settimane/mesi  (e magari trovare un ambiente dove si riconoscano le abilità maturate).

Credo per il momento mi iscriverò come sviluppatore Android su Google Play e inizierò a fare qualche test imbranato con le mie conoscenze limitate, poi si vedrà; vedrò di spolverarmi la sezione del forum sui tutorials e poi partecipare alle discussioni una volta entrato nel caldo dello sviluppo.  :D

Chissà, magari tra qualche anno mi prenderà un attacco di coraggio imprenditoriale!
Speriamo di sopravvivere! ahah


Offline MarcoDuff

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1073
    • Google+
    • marcoduff
    • Mostra profilo
    • MarcoDuff's Blog
  • Dispositivo Android:
    Samsung Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MarcoDuff
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #3 il: 16 Novembre 2012, 22:31:17 CET »
Per curiosita', che libro hai di ingegneria del software?

Offline 4dr14n0

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #4 il: 16 Novembre 2012, 22:44:34 CET »
Pressman, "Principi di Ingegneria del Software",
Fowler, "UML Distilled",
Leoncini, Mostarda, "C# 4 Guida Completa per lo Sviluppatore",
Johnson, Vlissides, "Design Patterns: Elementi per il Riuso di Software ad Oggetti."

Questa é la lista dei libri che ho incollato dal piano degli studi del sito, il mio corso é passato dallo studio del C++ a C# per via dei tempi che corrono (a detta del docente) e perché i vecchi progetti venivano copiati dagli studenti (in C++ e Java) o_O
Non ne capisco tanto il senso di barare agli esami e a maggior ragione su esami del genere, forse poi volevano andare a vendere caldarroste in Piazza Di Spagna.
 :D


Offline MarcoDuff

  • Moderatore globale
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1073
    • Google+
    • marcoduff
    • Mostra profilo
    • MarcoDuff's Blog
  • Dispositivo Android:
    Samsung Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MarcoDuff
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #5 il: 16 Novembre 2012, 22:51:14 CET »
Il tuo docente mi sembra in gamba! Alla fine dei tuoi studi dovresti aver almeno visto un 5-6 linguaggio (ai miei tempi ho fatto Pascal, C, C++, Java, Lisp, Prolog e forse altri che non ricordo!), quindi mettere in campo un linguaggio piu' attuale con la scusa della copia mi sembra molto intelligente (visto che per le tesine universitarie un linguaggio vale l'altro: l'importante e' come si programma non con cosa si programma!).

Offline 4dr14n0

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 4
    • Mostra profilo
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:Mi introduco e ne approfitto per fare una domanda :)
« Risposta #6 il: 16 Novembre 2012, 23:40:49 CET »
Infatti ho avuto fortuna! Studiamo C, C#, Java (per un corso di sistemi operativi, con laboratori su Android :D ), Php, Sql, Prolog e un pochino di Assembly. Si vede che il tuo percorso aveva un approccio più matematico, il nostro proviene da un passato di Ingegneria Informatica (infatti con Analisi e Fisica di andiamo giù pesanti) dove prima nelle Marche tutti i corsi scientifici avevano i primi due anni in comune.

Sono completamente d'accordo, ogni linguaggio ha i suoi pro e i suoi contro quando bisogna affrontare un particolare tipo di progetto, infatti ho scoperto che per fortuna le best-practices OOP sono le stesse in astratto per tutti i linguaggi, poi le specifiche variano a seconda del linguaggio...ed é una gran cosa, una volta finito il percorso sul C temevo che avrei dovuto reimparare tutto da capo per ogni diverso linguaggio OOP, ma per fortuna l'approccio é bene o male lo stesso (anche se il passaggio da procedurale all'OOP stà avendo la sua bella curva di apprendimento, ma le potenzialità mi danno abbastanza motivazione per saltare giù dal letto la mattina e incollarmi allo schermo)  :-)

Mi é solo dispiaciuto per il C++, avevo iniziato a studiarlo da me per rimanere avvantaggiato e sfruttare la ripetizione dei concetti a lezione per concentrarmi sui miei progetti futuri. Però pensandoci bene essendo multi-paradigma già conoscere bene il C e il C# dovrebbero darmi due visioni distinte per affrontare il C++ con maggiore consapevolezza.