Autore Topic: PARTITA IVA, MARKET  (Letto 5235 volte)

Offline patrix252

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 9
  • Respect: 0
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Vodafone Ideos
PARTITA IVA, MARKET
« il: 25 Aprile 2011, 14:49:44 CEST »
0
Salve,

mi chiedevo se per postare applicazioni a pagamento sul market bisogna avere la partita iva o non serve?

qualcuno sa chiarirmi le idee? quali sono le vostre esperienze?  tutti voi avete la partita iva?



Offline mangusto

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 152
  • Respect: +5
    • Google+
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    ZTE Blade
  • Play Store ID:
    Leonardo Preti
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #1 il: 25 Aprile 2011, 18:31:33 CEST »
0
Non ho ancora pubblicato niente sul Market, però prova a dare un occhio qui: Adempimenti fiscali per sviluppatori di applicazioni mobile (iPhone, Android, Win Mobile 7, ...)  | devAPP

Offline mimmog

  • Utente senior
  • ****
  • Post: 731
  • Respect: +11
    • MisterX_Dev
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Galaxy Note e Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MisterX_Dev
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re: PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #2 il: 25 Aprile 2011, 19:22:50 CEST »
0
E' sempre lo stesso discorso se guadagni più di 2500€ conviene aprire una p.iva altrimenti al massimo fai una ritenuta di acconto per prestazioni occasionali.

Sent from my GT-I9000 using Tapatalk

Offline Khali

  • Utente junior
  • **
  • Post: 70
  • Respect: +7
    • u.felloni
    • Mostra profilo
  • Play Store ID:
    weetme software
  • Sistema operativo:
    windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #3 il: 25 Aprile 2011, 21:36:29 CEST »
0
Citazione
fai una ritenuta di acconto per prestazioni occasionali.

Perdona la mia ignoranza. Ma intestata a chi?

Offline mimmog

  • Utente senior
  • ****
  • Post: 731
  • Respect: +11
    • MisterX_Dev
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Galaxy Note e Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MisterX_Dev
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #4 il: 26 Aprile 2011, 10:31:30 CEST »
+1
Bella domanda....alla fine tu vendi ed è Google che ti paga quindi tu dovresti pagare le tasse allo stato italiano.

Supponiamo che tuo padre ti dichiara come familiare a carico nella dichiarazione dei redditi, se non superi i 2500€ può continuare a farlo altrimenti ti deve levare dalla dichiarazione dei redditi perchè oltre i 2500€/anno risulti come lavoratore e devi dichiarare il tuo reddito tramite apposita dichiarazione.

Prendi cone le pinze quello che ti dico ma credo che sia così. Comunque fino ai 2500€ non mi preoccuperei ;)

Offline mangusto

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 152
  • Respect: +5
    • Google+
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    ZTE Blade
  • Play Store ID:
    Leonardo Preti
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #5 il: 26 Aprile 2011, 10:48:21 CEST »
0
Io sapevo che per le prestazioni occasionali il limite è 5000€/anno con ritenuta d'acconto al 20%, ma non so se un applicazione sul market può rientrare nella categoria o se deve essere catalogata per forza come opera d'ingegno

Offline Khali

  • Utente junior
  • **
  • Post: 70
  • Respect: +7
    • u.felloni
    • Mostra profilo
  • Play Store ID:
    weetme software
  • Sistema operativo:
    windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #6 il: 26 Aprile 2011, 10:56:11 CEST »
0
Facciamo un po' di chiarezza (per quello che ne so io..  ;-)).
Per la prestazione occasionale il limite da non superare è di 5000 euro all'anno con altri piccoli vincoli. Come dice mangusto con la ritenuta d'acconto al 20%.
Per rimanere a carico dei familiari la soglia è di 2500 euro.

Quindi se in un anno guadagno 2000 euro, la cosa si può risolvere con la prestazione occasionale ed eventualmente rimanendo a carico dei familiari.
Se guadagno 3000 euro, si può risolvere con la prestazione occasionale, ma non sono più a carico dei familiari.

Sono un programmatore, quindi da prendere con le MOLLE e orse di più...

Rimango sempre con il dubbio della prestazione occasionale. Deve essere bilaterale. E non so come si possa comportare google.

Offline mimmog

  • Utente senior
  • ****
  • Post: 731
  • Respect: +11
    • MisterX_Dev
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Galaxy Note e Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MisterX_Dev
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #7 il: 26 Aprile 2011, 11:12:46 CEST »
0
Facciamo un po' di chiarezza (per quello che ne so io..  ;-)).
Per la prestazione occasionale il limite da non superare è di 5000 euro all'anno con altri piccoli vincoli. Come dice mangusto con la ritenuta d'acconto al 20%.
Per rimanere a carico dei familiari la soglia è di 2500 euro.

Quindi se in un anno guadagno 2000 euro, la cosa si può risolvere con la prestazione occasionale ed eventualmente rimanendo a carico dei familiari.
Se guadagno 3000 euro, si può risolvere con la prestazione occasionale, ma non sono più a carico dei familiari.

Sono un programmatore, quindi da prendere con le MOLLE e orse di più...

Rimango sempre con il dubbio della prestazione occasionale. Deve essere bilaterale. E non so come si possa comportare google.

Ecco, grazie Khali, anche io sono un programmatore ed in effetti non ricordavo se fossero 2500€ o 5000€ perchè prima era 5.000.000 di lire quindi ho supposto che avessero convertito in euro :)

in effetti per la ritenuta d'acconto è un bel casino, google non credo che accetti ritenute e nemmeno se ne frega onestamente anche perchè quando li contattai in un'altra occasione, mi dissero che non erano problemi loro le tasse italiane...

Io se fossi in te farei come ho sempre fatto quando ero più piccolo ed ero a carico di mio padre e cioè me ne fregavo altamente :D non perchè non volevo pagare le tasse sia chiaro, ma semplicemente per il fatto che la normativa quando si tratta di queste cose occasionali con utenti esteri non è tanto chiara.....se erano italiani facevo la ritenuta è finiva lì ma quando la società è estera ed oltretutto fa da tramite per farti vendere un software la cosa comincia ad essere complicata...poi mi sembra assurdo dover aprire una partita iva semplicemente per vendere un programmino che magari mi frutterà 15€...

Quello che farei io (e ripeto farei io ma non necessariamente devi fare tu) è vendere il mio programma e fregarmene poi, se lo stesso mi fruttasse un bel pò di solti a quel punto ti tocca aprire una p. iva.

Offline Zappescu

  • Utente junior
  • **
  • Post: 110
  • Respect: +7
    • Mostra profilo
    • Tic Tank Toe
  • Dispositivo Android:
    HTC Magic
  • Play Store ID:
    Zapmobilegames
  • Sistema operativo:
    Win XP
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #8 il: 26 Aprile 2011, 11:49:29 CEST »
0
Ciao ragazzi,
apro una parentesi che potrebbe essere utile a chi non lo sa. Io voglio approfittare anche dell'App Store di Amazon che ha aperto da poco per vendere le mie app (per ora solo Android :)), ma nel contratto c'è scritto chiaramente che bisogna comunicare alla Amazon il proprio paese e regime fiscale.
C'è un pacchetto di documenti da scaricare, compilare e inviare alla Amazon per dichiarare che siamo italiani e che paghiamo in Italia le tasse sui proventi della vendita di app negli USA.
Siccome è una rottura di scatole siete liberi di lasciar perdere MA Amazon si terrà il 30% degli incassi come trattenuta fiscale americana. Se fate la vostra dichiarazione, niente trattenute in USA.

Spero di essere stato chiaro per chi, come me, vuole lanciarsi anche su quell'altro market: fate attenzione e, se pensate di vendere bene, fatevi consigliare anche da un avvocato/commercialista esperto in affari internazionali.

Zapp
Zapmobilegames website
Tic Tank Toe: a new approach for a classic game

Offline mimmog

  • Utente senior
  • ****
  • Post: 731
  • Respect: +11
    • MisterX_Dev
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    Galaxy Note e Galaxy Nexus
  • Play Store ID:
    MisterX_Dev
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #9 il: 26 Aprile 2011, 11:53:13 CEST »
0
Grazie della segnalazione e stai attento perchè mi pare di averl letto da qualche parte che amazon dopo il primo anno si prende dai webmaster ben 90$ per il solo fatto di essere registrati al market

Offline Zappescu

  • Utente junior
  • **
  • Post: 110
  • Respect: +7
    • Mostra profilo
    • Tic Tank Toe
  • Dispositivo Android:
    HTC Magic
  • Play Store ID:
    Zapmobilegames
  • Sistema operativo:
    Win XP
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #10 il: 26 Aprile 2011, 11:59:38 CEST »
0
Grazie della segnalazione e stai attento perchè mi pare di averl letto da qualche parte che amazon dopo il primo anno si prende dai webmaster ben 90$ per il solo fatto di essere registrati al market
Sono registrato all'Amazon Dev (non ricordo bene come si chiama) e non mi hanno chiesto riferimenti di pagamento. Il primo anno (2011) è gratis, per i successivi si paga 99$/anno.
Credo che funzioni così: intanto ti lasciano iscrivere, poi se vuoi restare dentro devi pagare altrimenti ti buttano fuori. La mia app è FREE per cui non ho messo nessun conto associato, può darsi che con app PAY sia diverso.
Giusto per concludere, dal momento del submit dell'app c'è un certo tempo di valutazione prima di vederla online. Ad oggi siamo a 6 giorni ed è ancora "under revision" :(
Zapmobilegames website
Tic Tank Toe: a new approach for a classic game

Offline Khali

  • Utente junior
  • **
  • Post: 70
  • Respect: +7
    • u.felloni
    • Mostra profilo
  • Play Store ID:
    weetme software
  • Sistema operativo:
    windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #11 il: 26 Aprile 2011, 22:30:11 CEST »
0
Citazione
Giusto per concludere, dal momento del submit dell'app c'è un certo tempo di valutazione prima di vederla online. Ad oggi siamo a 6 giorni ed è ancora "under revision

Non è sempre un male. Io sono quasi contento. Sul market di android ci sono tante applicazioni pacco che non vanno nemmeno. Con un perido di "revision" garantiscono più sicurezza e qualità.

Offline Ricky`

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 3487
  • Respect: +506
    • Github
    • Google+
    • rciovati
    • Mostra profilo
Re: Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #12 il: 26 Aprile 2011, 23:08:23 CEST »
0
o se deve essere catalogata per forza come opera d'ingegno

Non vorrei dare informazioni sbagliate ma avevo letto che per essere considerata opera d'ingegno non dove essere venduta continuativamente...

Sent from my HTC Desire

Offline mangusto

  • Utente normale
  • ***
  • Post: 152
  • Respect: +5
    • Google+
    • Mostra profilo
  • Dispositivo Android:
    ZTE Blade
  • Play Store ID:
    Leonardo Preti
  • Sistema operativo:
    Windows 7
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #13 il: 26 Aprile 2011, 23:48:20 CEST »
0
Mi sembra comunque di intuire che nessuno sul forum si sia mai trovato a dover dichiarare "troppi" guadagni. E' Android che rende poco o avete tutti messo app gratis? (solo per curiosità)

Offline teskio

  • Moderatore globale
  • Utente normale
  • *****
  • Post: 387
  • Respect: +118
    • Github
    • Google+
    • Mostra profilo
    • Skullab
  • Dispositivo Android:
    Cubot GT99 / SurfTab Ventos 10.1
  • Play Store ID:
    Skullab Software
  • Sistema operativo:
    windows 7 / ubuntu 12.04
Re:PARTITA IVA, MARKET
« Risposta #14 il: 27 Aprile 2011, 00:30:14 CEST »
0
Topic interessante :-P
Se posso però non sono del tutto d'accordo sul fatto che sia visto come lavoro autonomo, ne ossasionale ne sotto altra forma, in quanto tale rapporto viene ad esistere nel caso ci sia un commitente. Ad esempio se io sviluppassi un software per un'azienda, allora si potrebbe parlare di lavoro autonomo, con relativo contratto tra le parti. Ma nel caso del Market, non c'è nessun commitente, e il mio non è lavoro autonomo, ma bensì una vendita ! Ora il problema è che cosa si sta vendendo ? In giurisprudenza i beni possono essere immobili o mobili, materiali o immateriali e fungibili o infungibili. Nel caso del software potremmo dire che si tratta di un bene mobile, immateriale e fungibile. Ed ecco il passo successivo. Come viene vista, secondo la giurisprudenza, la vendita di un bene immateriale ? Dato che il bene non è tangibile, non si può vendere fisicamente, ma quello che si fa è cedere il diritto di utilizzo del bene, che in questo caso viene considerata opera ! (art. 2575 c.c. e successivi). Ora viene da chiedersi se il software viene considerato opera dell'ingegno. La risposta è si ! Grazie alle direttive europee 91/250 CEE e 96/9 CE che inseriscono di fatto all'interno delle opere trattate dalla legge 633/41 i programmi per elaboratore e le banche dati.
Quindi credo che si possa trattare la vendita di software come opera dell'ingegno secondo le disposizioni della legge sul diritto d'autore 633/41.
Ma ci vorrebbe un professionista del diritto per avere delle conferme :-P